L'Architetto Oddini

(Credits: Accademia Urbense - Ovada)

 Architetto Michele Oddini

Durante la sua permanenza in Ovada, la Signora Dolores si distinse come benefattrice, soprattutto a favore dei giovani e dei ragazzi, ai quali la domenica pomeriggio offriva l'ingresso gratuito al cinematografo e la merenda (con pane, burro e marmellata) nel parco della splendida villa. Molti giovani ovadesi, di cui la Scià Lola intuì le capacità, poterono frequentare le scuole superiori grazie alla sua generosità.
L'architetto Michele Oddini (lo vedete evidenziato nella fotografia), ovadese e nipote di quel Michele Oddini, già Sindaco della città a cui è intitolata l'omonima strada "Lungo Stura", fu il progettista della villa e del parco ed adottò uno stile "Liberty" alquanto sobrio con molti riferimenti tradizionali e locali; la villa non è molto grande, ma di gradevole bellezza e dalle linee molto armoniose. Per la realizzazione della villa e del parco furono impegnate alcune tra le ditte più note a quel tempo a livello nazionale. Una delle caratteristiche più importanti del parco è la presenza di moltissime essenze arboree appositamente fatte pervenire da ogni parte del Mondo che ne costituiscono la parte naturalistica più apprezzata ed interessante.

Per saperne di più:
Opuscolo pubblicato nel 1990 (pdf file)